Incentivo par aziende che assumono a tempo indeterminato

Con decreto direttoriale ANPAL Agenzia Nazionale Politiche Attive Lavoro n.178 del 19 aprile 2019, è stato istituito

“l’Incentivo Occupazione Sviluppo Sud”. 

ll Decreto prevede un incentivo (Incentivo Occupazione Sviluppo Sud) per:

  • le assunzioni, effettuate tra il 1° maggio 2019 ed il 31 dicembre 2019, a tempo indeterminato, anche a scopo di somministrazione, o con contratto di apprendistato professionalizzante, di soggetti con certe caratteristiche;
  • le trasformazioni a tempo indeterminato, riguardanti gli stessi soggetti, effettuate tra il 1° maggio 2019 ed il 31 dicembre 2019.

L’incentivo spetta a condizione che la prestazione lavorativa si svolga (sede di lavoro) in una Regione “meno sviluppata” (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) o in una Regione “in transizione” (Abruzzo, Molise e Sardegna), indipendentemente dalla residenza della persona da assumere.  

L’importo dell’incentivo è pari alla contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro, con esclusione di premi e contributi dovuti all’INAIL, per un periodo di 12 mesi a partire dalla data di assunzione, nel limite massimo di 8.060 euro annui per lavoratore assunto, riparametrato e applicato su base mensile.  In caso di lavoro a tempo parziale il massimale è proporzionalmente riparametrato.

L’incentivo è riconosciuto per l’assunzione di soggetti con le seguenti caratteristiche:

  1. lavoratori di età compresa tra i 16 anni e 34 anni disoccupati ai sensi dell’art. 19 del d.lgs. n. 150/2015 e dell’art.4, comma 15-quater, del D.L. n.4/2019 (convertito con modificazioni dalla L. n. 26/2019);
  1. lavoratori con almeno 35 anni, disoccupati ai sensi dell’art. 19 del D. lgs. n. 150/2015 e dell’art.4, comma 15-quater, del D.L. n.4/2019 (convertito con modificazioni dalla L. n. 26/2019), e privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi ai sensi del Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del 17 ottobre 2017.

I soggetti interessati di cui sopra non devono aver avuto un rapporto di lavoro negli ultimi sei mesi con il medesimo datore di lavoro.

Al fine di fruire del beneficio di cui al presente decreto, i datori di lavoro interessati devono inoltrare un’istanza preliminare di ammissione all’INPS esclusivamente attraverso l’apposito modulo telematico, indicando i dati relativi all’assunzione effettuata o che intendono effettuare, con le modalità che saranno definite dall’INPS in apposita circolare.

L’erogazione del beneficio avviene mediante conguaglio sulle denunce contributive.

DD_178_del_19.04.2019[1]